Editing e proofreading: in cosa differiscono e perché sono necessari dopo la traduzione

La correzione bozze è una fase fondamentale prima della pubblicazione di un testo qualsiasi. Questa regola diventa imprescindibile nel caso di testi tradotti.
Un testo tradotto infatti non deve essere corretto soltanto dal punto di vista dattilografico, da quello grammaticale e lessicale, ma deve anche avere una forma accattivante e fluida, che gli conferisca la dignità di un testo autonomo.

Per raggiungere un simile grado di esattezza su molteplici livelli è necessario procedere secondo fasi di correzione che approccino al testo in maniera focalizzata per individuare tutti i tipi di errore.

Tutte le fasi della correzione di bozze

La correzione bozze di un testo tradotto è un processo generale che una buona agenzia di traduzione professionale scompone in genere in varie fasi che un cliente può acquistare come pacchetto o acquistare singolarmente, a seconda delle esigenze.

Il proofreading

Si tratta di un esame piuttosto superficiale del testo, ma è sempre necessario, sia per un testo tradotto sia per un testo destinato a rimanere in lingua originale. Durante questa fase si correggono gli errori di battitura e non si affrontano quelli grammaticali o lessicali a meno che non siano molto evidenti e grossolani.

Il proofreading è un processo piuttosto semplice che non richiede una particolare preparazione tecnica, quindi si tratta di un servizio piuttosto economico.

L’editing (o revisione)

La revisione vera e propria necessita di un’analisi approfondita del testo a livello grammaticale, sintattico, lessicale e infine stilistico. L’editing è finalizzato alla stesura di un testo finale che sia in grado di comunicare non soltanto il contenuto del testo di partenza, ma anche il tone of voice e l’accuratezza lessicale nel caso di testi particolarmente tecnici.

Il cross check

Il cross check è la fase finale della correzione bozze. Una volta ultimate tutte le fasi precedenti, viene eseguito un raffronto tra il testo di origine e quello che è stato generato dalla traduzione, al fine di integrare eventuali passaggi mancanti ed eliminare ripetizioni, migliorare la resa formale e in generale accertarsi che ogni livello del testo tradotto corrisponda in tutto e per tutto a quello in lingua originale.

Perché richiedere una correzione bozze completa?

In genere il traduttore o la squadra di professionisti che ha realizzato una traduzione procede sempre a un primo proofreading in maniera da eliminare almeno gli errori più evidenti prima di consegnare il lavoro al committente.

Quest’ultimo, per vari motivi, potrebbe scegliere quindi di affidare la correzione bozze a professionisti diversi da quelli che hanno lavorato alla traduzione.
Non è mai una scelta vincente, dal momento che una comunicazione serrata tra il comparto che ha eseguito la traduzione e quello incaricato della correzione bozze non è soltanto consigliabile ma risulta talvolta strettamente necessaria per la produzione di un testo finale di buon livello.

Ne consegue che è sempre meglio affidare proofreading e correzione bozze allo stesso team di professionisti o almeno alla stessa agenzia, in modo che si possano velocizzare e coordinare le interazioni ottimizzando i tempi e migliorando la qualità dei risultati.

Se ti serve un servizio di editing e correzione bozze prova: collegando.com

One Comment